Home » Parliamone » POTERE D'ACQUISTO DEGLI ITALIANI IN DISCESA

POTERE D'ACQUISTO DEGLI ITALIANI IN DISCESA

POTERE D'ACQUISTO DEGLI ITALIANI IN DISCESA - Moneta complementare

I dati Istat sono chiari: nel 2010 il potere d’acquisto delle famiglie è
calato
dello 0,6 % dal 2009, un dato per niente rassicurante, seppur non
così pesante come il dato precedente pari al 3,1 % dal 2008 al 2009.
Il reddito lordo delle famiglie è aumentato dello 0,9 %, ma deve "fare i conti" con un aumento della spesa del 2,5 %, che non racchiude solo un
aumento dei consumi, segnale positivo, ma anche aumenti dei prezzi che non accennano a frenare: non ultimo quello della
benzina!
Il risultato finale è una minore propensione al risparmio: meno 1,3 %,
attestandosi al 12,1 %. Dunque, per affrontare la crisi si utilizzano i
risparmi raccolti con molta fatica, conservati per impegni futuri, che
dovranno, in parte essere rimandati da molte famiglie.
Ma una soluzione a tali problemi può essere l'utilizzo di una moneta
complementare
in grado di aumentare il potere d'acquisto e sostenere
la ripresa economica
?